Logo
en English

Raptor Lake promette molto

Raptor Lake, una nuova e imminente CPU Intel di 13a generazione romperà la barriera dei 6 GHz per la prima volta in modalità di lavoro normale, la modalità overcloccata nelle parole di Intel raggiungerà gli 8 GHz. La CPU sarà il 15% più veloce di Alder Lake nelle attività a thread singolo e uno straordinario 41% più veloce nei carichi di lavoro multi-thread.

L'attuale record mondiale di overclock è di 8.72 GHz con AMD FX-8370 e Intel punta a battere quel record con Raptor Lake, ovviamente, questo tipo di overclock estremo richiederà alcuni sistemi di raffreddamento ad azoto top di gamma.

lago rapace

Raptor Lake funzionerà sull'attuale socket LGA 1700, quindi non sarà necessario acquistare un'altra scheda madre per la CPU e saranno anche prodotte con un processo a 10 nm, il che significa che dovrai occuparti del raffreddamento e dell'alimentazione se funzionano davvero oltre 6 GHz.

Il processore Intel Core i5-13600K di fascia media sarà dotato di 14 core interni e 20 thread in esecuzione a una frequenza P-core massima di 5.1 GHz, mentre Core i7-13700K avrà 16 core e 24 thread e funzionerà su 5.3 GHz max P- frequenza centrale. Il miglior i9-13900K verrà fornito con 24 core, 8 di questi saranno P-core e gli altri 16 saranno E-core e 32 thread. Raggiungerà una frequenza di 5.4 GHz, ma è stato affermato che può arrivare a 5.8 GHz con Thermal Velocity Boost.

Dopo questa affermazione, possiamo vedere chiaramente che la CPU con interruttore a 6GHz sarà probabilmente una variante KS speciale i9. In altre parole, appositamente testato e selezionato i9 esistente che funzionava a velocità più elevate come era anche con Alder Lake, dove il normale i9-12900K funzionava a 5.2 GHz mentre i9-12900KS funzionava a 5.5 GHz.

Riparazione sistema avanzata Pro

Soluzione di riparazione PC automatizzata con un clic
Con Advanced System Repair Pro puoi facilmente
Sostituisci i file danneggiati
Ripristina le prestazioni
Spazio libero su disco
Rimuovi malware
Protegge il browser WEB
Rimuovi virus
Interrompi il blocco del PC
DOWNLOAD
Advanced System Repair Pro è compatibile con tutte le versioni di Microsoft Windows incluso Windows 11

Condividi questo articolo:

Ti potrebbe piacere anche

Errore DNS_PROBE_FINISHED_BAD_CONFIG in Chrome
Se utilizzi sempre Google Chrome durante la navigazione in Internet, potresti aver riscontrato un errore che dice "Questa pagina Web non è disponibile, SONDA DNS FINITA CONFIGURAZIONE ERRATA". Se lo fai, allora questo problema ha sicuramente qualcosa a che fare con il DNS poiché qualsiasi codice di errore che contiene "DNS" indica un problema di rete nel computer. Ottenere l'errore DNS_PROBE_FINISHED_BAD_CONFIG indica che il tuo computer non è in grado di connettersi al sito Web perché il Domain Name Server o il DNS non sono stati in grado di risolvere il nome del sito Web in indirizzo IP o non è affatto disponibile. Quindi, in questa guida, ti aiuteremo a risolvere questo problema in Chrome sul tuo PC Windows 10.

Opzione 1: controllare i cavi di rete e riavviare il router, quindi riconnettersi

La cosa più ovvia che puoi fare prima è provare a controllare se i cavi di rete collegati al tuo computer o router sono collegati correttamente o meno. Se si scopre che alcuni cavi di rete non sono collegati correttamente, è probabilmente il motivo per cui stai ricevendo l'errore DNS_PROBE_FINISHED_BAD_CONFIG in Chrome. E se il tuo computer è connesso tramite Wi-Fi, devi assicurarti di riavviare il router una volta. Inoltre, puoi anche dimenticare il Wi-Fi a cui è attualmente connesso il tuo computer e quindi provare a riconnetterti per vedere se funzionerebbe.

Opzione 2: svuota il DNS e ripristina TCP/IP

Lo svuotamento del DNS e il ripristino di TCP / IP potrebbero anche aiutare a correggere l'errore DNS_PROBE_FINISHED_BAD_CONFIG in Chrome. Per fare ciò, fare riferimento a questi passaggi:
  • Fai clic sul pulsante Start e digita "prompt dei comandi" nel campo.
  • Dai risultati di ricerca visualizzati, fai clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e seleziona l'opzione "Esegui come amministratore".
  • Dopo aver aperto il prompt dei comandi, è necessario digitare ognuno dei comandi elencati di seguito. Assicurati solo che dopo aver digitato ciascun comando, premi Invio
    • ipconfig / release
    • ipconfig / all
    • ipconfig / flushdns
    • ipconfig / renew
    • netsh int ip set dns
    • reset di winsock di netsh
Dopo aver digitato i comandi sopra elencati, la cache DNS verrà svuotata e Winsock, nonché TCP / IP, verranno ripristinati.

Opzione 3 – Prova a rimuovere il proxy

Puoi anche provare a rimuovere il proxy in quanto potrebbe aiutarti a correggere l'errore DNS_PROBE_FINISHED_BAD_CONFIG. Ecco come puoi farlo:
  • Toccare i tasti Win + R per aprire la finestra di dialogo Esegui.
  • Quindi digitare "inetcpl.cpl" nel campo e premere Invio per visualizzare le proprietà di Internet.
  • Successivamente, vai alla scheda Connessioni e seleziona le impostazioni LAN.
  • Da li. Deseleziona l'opzione "Usa un server proxy" per la tua LAN e assicurati che l'opzione "Rileva automaticamente impostazioni" sia selezionata.
  • Ora fai clic sui pulsanti OK e Applica.
  • Riavvia il tuo PC.
Nota: se si utilizza un servizio proxy di terze parti, è necessario disabilitarlo.

Opzione 4 – Cambia il DNS

Prova a utilizzare il DNS pubblico di Google Se la prima opzione non ha funzionato, puoi provare a utilizzare il DNS pubblico di Google e vedere se può aiutare a correggere l'errore DNS. Devi modificare le impostazioni DNS nel tuo sistema in modo esplicito e utilizzare gli indirizzi IP DNS.
  • La prima cosa che devi fare è fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona della rete nella barra delle applicazioni e selezionare Centro connessioni di rete e condivisione.
  • Successivamente, fai clic sull'opzione "Modifica impostazioni adattatore".
  • Successivamente, cerca la connessione di rete che stai utilizzando per connetterti a Internet. Si noti che l'opzione potrebbe essere "Connessione wireless" o "Connessione alla rete locale".
  • Fare clic con il tasto destro del mouse sulla connessione di rete e fare clic su Proprietà.
  • Quindi selezionare la nuova finestra per scegliere l'opzione "Internet Protocol 4 (TCP / IPv4)".
  • Successivamente, fai clic sul pulsante Proprietà e fai clic sulla casella di controllo nella nuova finestra per l'opzione "Usa i seguenti indirizzi del server DNS".
  • Digitare "8.8.8" e "8.8.4.4"E fare clic su OK ed uscire.

Opzione 5 – Cancella i dati di navigazione di Chrome

Se i tuoi dati di navigazione in Chrome non sono stati cancellati per un po 'di tempo, questo potrebbe essere il motivo per cui improvvisamente ricevi l'errore DNS_PROBE_FINISHED_BAD_CONFIG quando navighi sul web. Per correggere questo errore, è necessario cancellare i dati di navigazione sul Web. Fare riferimento ai seguenti passaggi per farlo.
  • Tocca i pulsanti Ctrl + Maiusc + Elimina per accedere alla sezione Cancella dati di navigazione in Chrome.
  • Successivamente, imposta l'intervallo di tempo su "Sempre" e seleziona tutte le caselle, quindi fai clic sul pulsante Cancella dati.
  • Successivamente, riavvia il browser Chrome e prova ad aprire il sito Web che stavi tentando di aprire in precedenza.

Opzione 6: prova a eseguire lo strumento Chrome Cleanup

Nel caso non lo sapessi, in Chrome è presente uno scanner malware integrato e uno strumento di pulizia che ti aiuta a sbarazzarti di annunci indesiderati, pop-up e persino malware, nonché pagine di avvio insolite, barre degli strumenti e altre cose che potrebbero influenzare le prestazioni del browser.
Continua a leggere...
Correggi l'errore di Windows Update 0x80070422
Se stavi tentando di eseguire Windows Update o attivare Windows Firewall o scaricare da Windows Store ma riscontri invece l'errore di Windows Update 0x80070422, continua a leggere poiché questo post ti mostrerà come risolvere il problema. Questo tipo di errore di Windows Update si verifica quando Windows Update o WUAUSERVE non è avviato o quando non è possibile avviare il servizio trasferimento intelligente in background o BITS. Potrebbe essere che siano disabilitati o perché non hanno dispositivi abilitati associati ad essi. In ogni caso, puoi controllare le opzioni fornite di seguito per correggere l'errore di Windows Update 0x80070422 e assicurarti di creare un punto di ripristino del sistema prima di iniziare.

Opzione 1: controllare lo stato di alcuni servizi di aggiornamento di Windows

  • Toccare i tasti Win + R per aprire la finestra di dialogo Esegui.
  • Quindi, digitare "services.msc" nel campo e premere Invio o fare clic su OK per aprire Servizi.
  • Dall'elenco dei servizi, cerca i seguenti servizi e assicurati che il loro tipo di avvio sia il seguente:
    • Aggiornamento Windows - Manuale (attivato)
    • Servizio di trasferimento intelligente in background - Manuale
  • Successivamente, controlla se lo stato del servizio dei servizi elencati sopra è impostato su In esecuzione. In caso contrario, fare clic sul pulsante Start per avviare questi servizi e quindi verificare se è possibile abilitare o meno il servizio Windows Update.

Opzione 2: prova a disabilitare IPv6 nel Centro connessioni di rete

È inoltre possibile disabilitare IPv6 nel Centro connessioni di rete per correggere l'errore 0x80070422 di Windows Update. Come? Segui questi passi:
  • Tocca la combinazione di tasti Win + X sulla tastiera e fai clic su Connessioni di rete.
  • Questo aprirà la sezione Connessioni di rete sotto l'app Impostazioni. Da lì, fai clic sul collegamento Centro connessioni di rete e condivisione situato sul lato destro del pannello che aprirà una versione Win32 delle impostazioni di Windows nota come Pannello di controllo.
  • Nel Pannello di controllo, fai clic sulla rete a cui è collegato il tuo computer.
  • Apparirà una mini finestra e in quella finestra fai clic su Proprietà che aprirà un'altra mini finestra che fornirà un elenco.
  • Da questo elenco, deseleziona l'opzione "Protocollo Internet versione 6 (TCP / IPv6)".
  • Ora fai clic su OK e chiudi tutte le altre finestre e vedi se corregge l'errore di Windows Update.

Opzione 3 – Esegui lo strumento di risoluzione dei problemi di Windows Update

Se la disabilitazione di IPv6 non ha funzionato, puoi anche provare a eseguire lo strumento di risoluzione dei problemi di Windows Update in quanto potrebbe anche aiutare a risolvere eventuali problemi relativi a Windows Update incluso l'errore di Windows Update 0x80070422. Per eseguirlo, vai su Impostazioni e seleziona Risoluzione dei problemi dalle opzioni. Da lì, fai clic su Windows Update, quindi fai clic sul pulsante "Esegui lo strumento di risoluzione dei problemi". Dopodiché, segui le prossime istruzioni sullo schermo e dovresti essere a posto.

Opzione 4: prova a eseguire lo strumento DISM

È inoltre possibile provare a eseguire lo strumento di gestione delle immagini e manutenzione distribuzione o DISM per correggere l'errore di aggiornamento di Windows. Utilizzando questo strumento integrato, sono disponibili varie opzioni come “/ ScanHealth”, “/ CheckHealth” e “/ RestoreHealth”.
  • Apri il Prompt dei comandi con privilegi di amministratore.
  • Quindi digitare i seguenti comandi e assicurarsi di premere Invio subito dopo aver digitato ognuno di essi:
    • Dism / Online / Cleanup-Image / CheckHealth
    • Dism / Online / Cleanup-Image / ScanHealth
    • exe / Online / Cleanup-image / Restorehealth
  • Non chiudere la finestra se il processo impiega un po 'di tempo poiché probabilmente ci vorranno alcuni minuti per terminare.

Opzione 5: esegui lo strumento di risoluzione dei problemi online di Microsoft

L'esecuzione dello strumento di risoluzione dei problemi online di Microsoft potrebbe anche aiutarti a correggere l'errore di Windows Update 0x80070422. Questo strumento di risoluzione dei problemi online è noto per aiutare a correggere gli errori di Windows Update, esegue la scansione del computer alla ricerca di problemi che potrebbero causare il problema e quindi li risolve automaticamente.
Continua a leggere...
Come risolvere facilmente gli script che non rispondono
Questa informazione sul problema dello script che non risponde è più frequente su Firefox, che è tra i migliori browser in tutto il mondo. Firefox potrebbe mostrarti questi errori con le informazioni "Avvertenza: script non responsivo". Successivamente ti informerà che il software sulla pagina Web che stai tentando di aprire non risponde o ha smesso di reagire. Ciò significa che lo script ha smesso di funzionare e potrebbe bloccare o bloccare Firefox se non viene risolto immediatamente. Puoi facilmente risolvere questo problema.

Soluzione

Immagine della scatola di restauroCause di errore

Prima di poter correggere questo errore, è necessario comprenderne la causa principale. Il rischio più grande è che, se lasciato deselezionato, gli script non responsivi bloccheranno il tuo browser e un'estensione del tuo computer limitando così la tua produttività. Potrebbe essere necessario disinstallare e reinstallare Firefox se il problema persiste. Di seguito sono elencati alcuni dei motivi più tipici per lo script che non risponde:
  • Errori di programmazione
  • Interferenza di altri software
  • Utilizzando una versione obsoleta del programma.

Ulteriori informazioni e riparazione manuale

La maggior parte delle volte, devi fare molto poco per risolvere questo problema. Inoltre, molti dei rimedi qui forniti non richiedono l'assistenza di un tecnico professionista qualificato. Puoi eseguirli facilmente e risolvere completamente l'errore.
  • Se desideri interrompere l'errore, mantieni aggiornato il browser e i componenti aggiuntivi.

È facile aggiornare il browser e tutti i componenti aggiuntivi in ​​esso contenuti. Nella maggior parte dei casi è gratuito. Di aggiornamento del browser e componenti aggiuntivi frequentemente, stai eliminando efficacemente il rischio che si verifichino script che non rispondono e interferiscono con il tuo lavoro.
  • script che non risponde nella finestra di dialogo di avviso di FirefoxVerificare la presenza di un processo in background mal funzionante

I tipi di procedure in background che potrebbero causare l'errore del software che non risponde includono il codice Javascript, il plug-in multimediale e l'estensione del browser. È possibile interrompere l'esecuzione dello script durante l'utilizzo di Firefox eliminando così l'errore di script che non risponde. Chiudere la finestra di dialogo è solo un altro modo semplice per eliminare le informazioni sugli errori di script che non rispondono. Firefox offre due scelte in caso di questo malfunzionamento. O "Continua" o "Interrompi script". Qualunque alternativa tu scelga, puoi essere certo che la finestra di dialogo si chiude, permettendoti così di continuare la navigazione. schermata iniziale di firefoxLa soluzione finale. Contatta Firefox per questi errori sul tuo browser. Spesso, questi errori si verificano quando si tenta di visitare determinati siti Web. Contrassegna gli URL dei siti Web offensivi e includili nelle tue comunicazioni con Firefox. A volte puoi anche contattare tu stesso il proprietario del sito Web e richiedere loro di controllare il codice del loro sito Web. Di seguito sono riportate ulteriori misure che puoi adottare per risolvere l'errore dello script che non risponde.
  • Attendere più a lungo che l'errore si risolva automaticamente
  • Blocco dello script offensivo
  • Strattonando i componenti aggiuntivi colpevoli
  • Disabilitazione dello strumento di accelerazione hardware.
Con uno di questi pochi passaggi, non dovrai preoccuparti dell'errore di script che non risponde, puoi continuare a goderti le tue attività di navigazione su Firefox.
Continua a leggere...
Una guida rapida per la correzione dell'errore C00D1199

Che cos'è l'errore C00D1199?

Questo è un tipico codice di errore di Windows Media Player. Sviluppato da Microsoft, Window Media Player è un lettore multimediale e un'applicazione di libreria multimediale utilizzata per riprodurre audio e video sul computer. L'errore C00D1199 viene visualizzato quando Windows Media Player non è in grado di riprodurre il file richiesto dall'utente. Il codice di errore viene visualizzato nel seguente formato:
C00D1199: impossibile riprodurre il file

Soluzione

Immagine della scatola di restauroCause di errore

Potresti incontrare un messaggio di errore C00D1199 sul tuo PC per uno dei seguenti motivi:
  • Il tipo di file richiesto non è supportato da Windows Media Player
  • Il tipo di file non è stato compresso utilizzando un codec non supportato da Player
  • La scheda audio o il controller non è configurato correttamente o non è aggiornato
  • Corruzione del registro
La buona notizia è che l'errore C00D1199 non è fatale. Ma se questo codice di errore viene generato a causa di problemi di registro, può causare seri problemi. Pertanto è consigliabile ripararlo immediatamente.

Ulteriori informazioni e riparazione manuale

Ecco alcuni dei migliori e facili metodi fai-da-te per risolvere subito l'errore C00D1199.

Metodo 1: assicurarsi che il tipo di file sia supportato da Windows Media Player.

Se è supportato, assicurati che il codec utilizzato per comprimere il file sia installato sul tuo sistema. Ci sono centinaia di codec audio e video in uso oggi, ma i codec più popolari utilizzati su Windows Media Player sono Windows Media Audio, Windows Media Video e MP3. Se questi Codec non sono installati sul tuo PC, è consigliabile scaricarli dal web. Ma assicurati di scaricare questi codec da un sito Web affidabile e affidabile.

Metodo 2: controlla le impostazioni della scheda audio

Un altro metodo per risolvere l'errore C00D1199 è verificare Impostazioni della scheda audio. Assicurati che sia configurato correttamente. Anche una configurazione errata può causare l'errore. Tuttavia, se è configurato correttamente ma l'errore persiste, è consigliabile modificare l'aggiornamento del driver. Per fare ciò, vai su Gestione dispositivi. Qui usa la procedura guidata di aggiornamento del driver per effettuare gli aggiornamenti.

Metodo 3: controlla il registro di Windows

Il registro è una parte importante del PC. Memorizza tutte le attività eseguite sul PC e tutti i file, inclusi file spazzatura e file importanti. Se i file non necessari come file spazzatura, cookie e voci di registro errate non vengono rimossi frequentemente dal registro, possono corromperlo e danneggiarlo e generare codici di errore come C00D1199. Per pulire il registro e risolvere l'errore è consigliabile scaricare Restoro. Questo è un PC Fixer intuitivo integrato con un pulitore di registro. Il pulitore del registro cancella tutto il disordine dal registro e lo pulisce all'istante. Ripara anche i file danneggiati e ripristina il registro. Clicca qui per scaricare Restoro e risolvere l'errore C00D1199 sul tuo PC.
Continua a leggere...
Fix Sandbox non è stato avviato, 0x80070057
Come già saprai, Windows Sandbox è una delle nuove funzionalità di Windows 10. Tuttavia, proprio come altre nuove funzionalità, genera anche errori e uno di questi è l'errore che afferma,
"Windows Sandbox non è stato avviato, errore 0x80070057, il parametro non è corretto".
Questo particolare errore in Windows Sandbox si verifica a causa della sua dipendenza da numerosi componenti di Windows 10 correlati principalmente a Hyper-V e virtualizzazione. Per correggere questo errore, ci sono diverse opzioni che puoi controllare. Puoi provare a installare eventuali aggiornamenti in sospeso sul tuo computer Windows 10 e assicurarti che tutti i servizi relativi a Windows Sandbox siano abilitati.

Opzione 1: prova a eseguire gli aggiornamenti di Windows per installare gli aggiornamenti in sospeso

La prima cosa che puoi fare per risolvere il "Windows Sandbox non è stato avviato, errore 0x80070057" è controllare gli aggiornamenti di Windows nel tuo computer e vedere se ci sono aggiornamenti di Windows in sospeso che devi installare. Tutto quello che devi fare è andare all'app Impostazioni di Windows 10, quindi andare alla sezione Aggiornamenti di Windows e fare clic sul pulsante "Verifica aggiornamenti" per verificare se sono presenti aggiornamenti in sospeso che devono essere installati. Questo potrebbe correggere l'errore Sandbox di Windows.

Opzione 2: assicurarsi che tutti i processi e i servizi di supporto funzionino correttamente

Se l'esecuzione di Windows Sandbox come amministratore non ha risolto l'errore, è necessario assicurarsi che tutti i processi correlati per Windows Sandbox funzionino correttamente. Per fare ciò, attenersi alla seguente procedura:
  • Toccare i tasti Win + R per avviare l'utilità Esegui e digitare "services.msc" nel campo e premere Invio per aprire Gestione servizi di Windows.
  • Successivamente, dall'elenco dei servizi, cerca i seguenti servizi nell'ordine indicato:
    • Servizio di virtualizzazione della rete
    • Disco virtuale
    • Macchina virtuale Hyper-V
    • Hyper – Servizio computer host V
    • Servizi di gestione container
  • Dopo aver trovato i servizi di cui sopra, assicurati di verificare se sono abilitati o meno e quindi riavvia ciascuno di essi.
  • Una volta fatto, prova ad aprire di nuovo Windows Sandbox e verifica se l'errore è stato corretto o meno.
Continua a leggere...
CHKDSK non può aprire il volume per l'accesso diretto
Uno degli strumenti integrati più utili in Windows 10 è l'utilità Verifica disco o CHKDSK. È quello che mantiene l'integrità del disco collegato a un computer che può essere avviato utilizzando la GUI o l'interfaccia utente grafica e utilizzando la riga di comando. Ci sono molte cose che garantiscono l'esecuzione di questa utilità integrata e una di queste è la leggibilità del disco. Di recente, un certo numero di utenti ha segnalato di aver riscontrato un errore durante il tentativo di eseguire l'utilità CHKDSK: l'errore indica "Impossibile aprire il volume per l'accesso diretto". Questo tipo di errore in CHKDSK viene visualizzato ogni volta che viene avviata la riga di comando in base agli utenti interessati. Secondo gli utenti che hanno riscontrato questo problema, ricevono i seguenti messaggi di errore quando hanno provato a eseguire un comando ChkDsk:
“C:WINDOWSsystem32>chkdsk /fg: impossibile aprire il volume per l'accesso diretto. C:WINDOWSsystem32>chkdsk /ff: il tipo di file system è NTFS. L'etichetta del volume è 0529357401.
Per correggere l'errore "Impossibile aprire il volume per l'accesso diretto dell'utente", ecco alcuni suggerimenti che potrebbero essere d'aiuto. Seguili attentamente.

Opzione 1: prova a eseguire l'utilità CHKDSK all'avvio

D'altra parte, puoi anche provare a eseguire l'utilità CHKDSK all'avvio in modo da poter correggere l'errore e recuperare eventuali segmenti danneggiati dell'unità.
  • Apri un prompt dei comandi con privilegi elevati e inserisci questo comando: chkdsk / x / f / r
  • Successivamente, verrà visualizzato un messaggio che dice "Impossibile eseguire Chkdsk perché il volume è utilizzato da un altro processo. Desideri pianificare la verifica di questo volume al prossimo riavvio del sistema? (S / N)”
  • Digitare Y e toccare Invio per pianificare una scansione CHKDSK al riavvio successivo del computer.

Opzione 2: provare a eseguire l'autotest del disco rigido primario

La prossima cosa che puoi fare per risolvere il problema è eseguire l'autotest del disco rigido primario seguendo i passaggi seguenti.
  • È necessario prima avviare il computer nel BIOS.
  • Successivamente, vai alla scheda Diagnostica e seleziona l'opzione "Autotest del disco rigido primario". Si noti che potrebbe essere diverso a seconda della scheda madre con produttori diversi, ma dovrebbero implicare la stessa cosa.
  • Ora, attendi fino al completamento del test, quindi avvia normalmente il tuo computer.

Opzione 3: prova a controllare lo stato del disco rigido

La prossima cosa che puoi fare per risolvere il problema è controllare lo stato del tuo disco rigido utilizzando l'utilità WMIC nel prompt dei comandi di Windows. Questa utility verificherà se il disco rigido presenta problemi che hanno provocato l'errore "Impossibile aprire il volume per l'accesso diretto dell'utente".

Opzione 4 – Prova a disabilitare varie restrizioni sul tuo disco rigido

Potresti anche voler disabilitare le varie restrizioni sul tuo disco rigido poiché è possibile che sia crittografato o limitato, il che spiega perché non sei in grado di eseguire alcuna operazione al suo interno e genera invece l'errore "Impossibile aprire il volume per l'accesso diretto dell'utente". Ad esempio, se hai BitLocker, puoi provare a disabilitarlo e vedere se corregge l'errore o meno.

Opzione 5 – Prova a disinstallare o disabilitare la funzione di blocco dell'unità sul tuo disco rigido

Puoi anche cercare qualsiasi funzione di blocco dell'unità sul tuo disco rigido che trucchi le modifiche del disco in quanto potrebbe essere la causa principale del problema. Pertanto, se ne trovi uno, devi disinstallarlo o disabilitarlo e quindi eseguire un comando check disk per risolvere il problema.

Opzione 6 – Prova a disabilitare il servizio dell'applicazione

La disabilitazione del servizio applicazioni può anche aiutarti a risolvere il problema. Come? Fare riferimento a questi passaggi:
  • Toccare i tasti Win + R per avviare l'utilità Esegui e digitare "services.msc" nel campo, quindi premere Invio per aprire Gestione servizi.
  • Quindi, scorrere verso il basso nell'elenco dei servizi e cercare il servizio relativo al software di sicurezza o al software di verifica disco.
  • Una volta trovato, fai clic con il pulsante destro del mouse su quel servizio e seleziona Proprietà.
  • Successivamente, modifica il tipo di avvio in Disabilitato e fai clic sui pulsanti OK e Applica per salvare le modifiche apportate.
  • Ora riavvia il computer e non dimenticare di abilitare nuovamente il servizio una volta completato il controllo del disco.

Opzione 7: prova a utilizzare Ripristina volume tramite Windows PowerShell

È inoltre possibile provare a utilizzare il volume di riparazione utilizzando Windows PowerShell. Tutto quello che devi fare è aprire PowerShell come amministratore e digitare il "lettera di riparazione-volume-unità", Quindi toccare Invio per eseguire il volume di riparazione. Questo dovrebbe risolvere l'errore.
Continua a leggere...
Risorse del controller USB insufficienti Errore
Come sapete, l'USB è ora ampiamente utilizzato in tutti i dispositivi con USB A come tipo principale con la maggior parte dei dispositivi basati su di esso. Anche i dispositivi periferici come pen drive, hard disk esterni e molti altri utilizzano una porta USB. D'altra parte, USB C sta diventando anche il prossimo grande standard nel mondo informatico grazie alle sue elevate velocità di trasferimento, alla compatibilità più ampia e al supporto per unità di elaborazione grafica esterne. Tuttavia, solo di recente, è stato segnalato che le porte USB 3.0 causano la comparsa del seguente errore sui computer Windows 10 ogni volta che viene collegato un dispositivo USB.
“Risorse del controller USB insufficienti. Il controller non ha risorse sufficienti per questo dispositivo. "
Per correggere questo errore, ecco alcune linee guida che puoi consultare. Assicurati di seguirli attentamente.

Opzione 1: prova a utilizzare una porta USB di generazione inferiore

La prima cosa che puoi fare è provare a utilizzare una porta USB di generazione inferiore poiché questo problema si verifica principalmente quando un dispositivo è collegato a una porta USB 3,0. Ciò significa che devi collegare il tuo dispositivo a una porta USB 2.0 e quindi vedere se corregge l'errore o meno. Puoi facilmente decifrare una porta USB 3.0 da una porta USB 2.0 poiché la prima è in blu.

Opzione 2 – Prova a usare un dock

Puoi anche provare a utilizzare un dock per risolvere l'errore. Si noti che quando viene assorbita troppa energia su laptop e notebook dalle porte USB e una porta USB 3.0 assorbe più energia rispetto a una porta USB 2.0. Pertanto, se colleghi il tuo dispositivo di archiviazione USB a una porta USB 2.0 con l'aiuto di un dock, il problema dovrebbe risolversi.

Opzione 3: prova a disabilitare l'opzione xHCI Mode nel BIOS

  • Innanzitutto, avvia il computer nel BIOS.
  • Una volta avviato il computer, vai alla scheda Avanzate.
  • Successivamente, assicurarsi che la voce per "Modalità di pre-avvio xHCI" sia impostata su Disabilitato nella sezione Configurazione USB.
  • Ora salva le modifiche apportate e riavvia il computer su Windows 10 e verifica se l'errore è stato corretto.

Opzione 4 – Aggiorna o reinstalla il driver Universal Serial Bus Controller

Poiché potrebbe trattarsi di un problema di driver, è possibile provare ad aggiornare o reinstallare i driver del controller del bus seriale universale utilizzando Gestione dispositivi. Fare riferimento ai seguenti passaggi:
  • Innanzitutto, fai clic sul pulsante Start e digita "Gestione dispositivi".
  • Quindi fare clic su "Gestione periferiche" dai risultati della ricerca per aprirlo.
  • Da lì, cerca l'opzione "Controller bus seriale universale", quindi fai clic con il pulsante destro del mouse su ciascuno dei driver USB, in particolare il driver Hub USB generico, quindi seleziona Aggiorna driver dal menu.
  • Riavvia il PC e fai clic sull'opzione "Cerca automaticamente il software del driver aggiornato".
NOTA: Se l'aggiornamento dei driver del controller USB non ha funzionato, puoi provare a reinstallarli.

Opzione 5: eseguire lo strumento di risoluzione dei problemi hardware e dispositivi

Puoi anche eseguire lo strumento di risoluzione dei problemi hardware e dispositivo per provare a correggere l'errore "Risorse del controller USB insufficienti".
  • La prima cosa che devi fare è fare clic su Start, quindi sull'icona a forma di ingranaggio per aprire la finestra Impostazioni.
  • Dopo aver aperto Impostazioni, cerca l'opzione Aggiornamento e sicurezza e selezionala.
  • Da lì, vai all'opzione Risoluzione dei problemi situata sul lato sinistro dell'elenco.
  • Quindi, seleziona Hardware e dispositivi dall'elenco e apri lo strumento di risoluzione dei problemi ed eseguilo. Una volta che sta facendo il suo lavoro, attendi che completi il ​​processo e quindi riavvia il sistema.
  • Dopo il riavvio del sistema, verificare se il problema è stato risolto. In caso contrario, fare riferimento all'opzione successiva indicata di seguito.
Continua a leggere...
Disabilita la telemetria e la raccolta dati in Windows
Le funzionalità di telemetria e raccolta dati di Windows 10 sono abilitate automaticamente e raccolgono tutti i tipi di attività degli utenti e li inviano a Microsoft. Microsoft afferma che i dati raccolti migliorano solo l'esperienza utente complessiva e la funzionalità di Windows, ma il numero di violazioni dei dati che si verificano in tutto il mondo ha costretto gli utenti a essere più cauti riguardo alla privacy dei dati. Quindi, naturalmente, da password più forti e gestione di altri servizi, è logico disattivare la raccolta dei dati di Windows. Fare così:
  • Stampa ⊞ FINESTRE + R per aprire la finestra di dialogo Esegui.
  • Nella finestra di dialogo Esegui, digita: taskschd.msc
  • Stampa CTRL + SPOSTAMENTO + ENTRA combinazione di tasti per aprire l'Utilità di pianificazione in modalità amministratore.
  • Nel riquadro di sinistra, vai a: Libreria Utilità di pianificazione> Microsoft> Windows> Programma di miglioramento dell'esperienza del cliente
  • Nella posizione, nel riquadro centrale, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'attività denominata Consolidatore e seleziona Disabilita dal menu contestuale...
  • Ripetere il processo con tutte le altre attività elencate nel riquadro centrale.
  • Esci da Utilità di pianificazione.
Continua a leggere...
Chiudi l'applicazione non reattiva in Windows
Siamo stati tutti lì, sfortunatamente l'applicazione si blocca e talvolta può persino bloccare intere finestre. Bene, se l'intero Windows si blocca a causa dell'applicazione non c'è molto che possiamo fare tranne l'hard reset ma se solo l'applicazione si blocca possiamo comunque ucciderla e riportare il PC in condizioni di lavoro. La prima cosa che puoi provare è premere ALT + F4, questo collegamento serve per chiudere il programma, se l'applicazione è bloccata Windows proverà a chiuderla quando si utilizza questo collegamento e, se ha esito positivo, ti ritroverai nell'ambiente desktop in Windows con un'applicazione che non risponde. Se, tuttavia, non riesce e l'applicazione non viene chiusa, prova a terminarla nel task manager. Per aprire il task manager premere CTRL + SPOSTAMENTO + ESC, individuare l'applicazione che non risponde, selezionarla e fare clic su compito end pulsante in basso a destra.
Continua a leggere...
Il browser di DuckDuckGo non sta bloccando gli script MS

DuckDuckGo è diventato un motore di ricerca privato che offre ricerche senza tracciamento. Un fatto meno noto di DuckDuckGo è che hanno il proprio browser, beh, lo hanno per la piattaforma Android ed è stato affermato che arriverà presto per i desktop.

Browser DuckDuckGo

Le persone erano entusiaste di questo nuovo browser per alcuni motivi, uno dei quali è la privacy e un altro è che è stato creato da zero, non utilizzando il runtime chromium esistente che ha assicurato agli utenti che la privacy è l'obiettivo principale. Tuttavia, ultimamente, le cose sono andate un po' fuori controllo. Duckduckgo è sotto tiro da parte degli utenti da quando un ricercatore di sicurezza ha scoperto che esiste un'eccezione per i tracker Microsoft all'interno di Browser.

La caratteristica principale del loro browser è che blocca gli script di tracciamento e la maggior parte della pubblicità online con l'obiettivo di impedire ai server di raccogliere dati sul tuo comportamento online. Ovviamente, la protezione del monitoraggio non è mai efficace al 100% poiché richiede molto lavoro manuale da parte delle persone per aggiungere siti e collegamenti a elenchi di blocco, ma è stato scoperto che DuckDuckGo ha un'eccezione definita nel browser per le reti pubblicitarie di proprietà di Microsoft e gli script di monitoraggio che forniscono loro pass gratuito anche quando sono legati alla compromissione della privacy.

Zach Edwards ha sottolineato per la prima volta l'eccezione in una serie di tweet, dopo aver notato che DuckDuckGo su iPhone e Android non stava bloccando gli annunci di LinkedIn e Bing sul sito Workplace di Facebook.

Puoi acquisire dati all'interno del cosiddetto browser privato DuckDuckGo su un sito Web come quello di Facebook https://t.co/u8W44qvsqF e vedrai che DDG NON ​​interrompe i flussi di dati ai domini Linkedin di Microsoft o ai loro domini pubblicitari Bing.

Prova iOS + Android:
👀🫥😮‍💨🤡⛈️⚖️💸💸💸 pic.twitter.com/u3Q30KIs7e

- ℨ𝔞𝔠𝔥 𝔈𝔡𝔴𝔞𝔯𝔡𝔰 (@thezedwards) 23 Maggio 2022

Il CEO e fondatore di DuckDuckGo, Gabriel Weinberg, ha risposto con la sua serie di tweet.

La maggior parte delle nostre altre protezioni si applica anche alle proprietà di proprietà di MSFT. Si tratta solo di siti non DuckDuckGo e non Microsoft, in cui il nostro contratto di syndication di ricerca ci impedisce di interrompere il caricamento degli script di proprietà di Microsoft, sebbene possiamo comunque applicare protezioni dopo il caricamento (come il blocco dei cookie di terze parti). Stiamo anche lavorando per cambiarlo.

DuckDuckGo afferma di utilizzare oltre 400 fonti per i risultati dei motori di ricerca, incluso il crawler web dell'azienda, ma i risultati tipici dei collegamenti provengono più comunemente da Bing. Secondo Weinberg, la capacità di DuckDuckGo di utilizzare i risultati di ricerca di Bing dipende da un'eccezione ritagliata per gli annunci di Microsoft nel browser mobile. Un rappresentante di DuckDuckGo ha affermato che i cookie di terze parti dei servizi Microsoft sono ancora bloccati.

Ovviamente, l'obiettivo principale e la campagna dell'ascesa di DuckDuckGo erano la ricerca privata e la navigazione privata, quindi questo tipo di notizie non è andato bene tra i lunghi sostenitori. L'ultima dichiarazione da parte loro è la seguente:

Siamo sempre stati estremamente attenti a non promettere mai l'anonimato durante la navigazione, perché francamente non è possibile data la rapidità con cui i tracker cambiano il modo in cui funzionano per eludere le protezioni e gli strumenti che attualmente offriamo. Quando la maggior parte degli altri browser sul mercato parla di protezione del tracciamento, di solito si riferisce alla protezione dei cookie di terze parti e alla protezione delle impronte digitali e i nostri browser per iOS, Android e il nostro nuovo Mac beta impongono queste restrizioni agli script di tracciamento di terze parti, compresi quelli di Microsoft.

Quello di cui stiamo parlando qui è una protezione superiore e superiore che la maggior parte dei browser non tenta nemmeno di fare, ovvero bloccare gli script di tracciamento di terze parti prima che vengano caricati su siti Web di terze parti. Poiché lo stiamo facendo dove possibile, gli utenti ottengono ancora una protezione della privacy significativamente maggiore con DuckDuckGo rispetto a Safari, Firefox e altri browser. Questo blog il post che abbiamo pubblicato illustra i vantaggi reali che gli utenti traggono da questo approccio, come tempi di caricamento più rapidi (riduzione media del 46%) e trasferimento di meno dati (riduzione media del 34%). Il nostro obiettivo è sempre stato quello di fornire la massima privacy possibile in un download, per impostazione predefinita senza impostazioni complicate.

Continua a leggere...
1 2 3 ... 168
Logo
Copyright © 2022, ErrorTools. Tutti i diritti riservati
Marchi: i loghi di Microsoft Windows sono marchi registrati di Microsoft. Disclaimer: ErrorTools.com non è affiliato con Microsoft, né rivendica un'affiliazione diretta.
Le informazioni in questa pagina sono fornite a solo scopo informativo.
DMCA.com Stato di protezione